Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Darmon King’ Category

Artista: Darmon King  

Album: Real Biography…

Anno: 2007

Genere: Rap

Voto: 10

 

darmon_king_-_real_biography.jpg

 

La prima cosa, da donna, che mi ha colpito di questo disco è stata la copertina in cui si vedono due ragazze vestite da college che piangono. In effetti addentrandomi nell’ascolto mi sono accorta che in tutto l’album c’è una sensazione di sconforto e introspezione, quasi a voler dire: in questo mondo non c’è davvero nulla da ridere. Darmon King scrive e realizza “Real Biography…” interamente in memoria del miglior amico scomparso in un tragico incidente e colpisce dritto al cuore perché ognuno di noi nella sua vita ha perso persone care e si rivede nelle parole che scorrono tra i brani. Io amo la black music, italiana e straniera. Chiaramente sono contraria all’uso dei testi misogini e violenti che sono uno degli elementi caratterizzanti di questo genere musicale e Darmon King di certo non le manda a dire, anzi… Tra i brani che voglio segnalare c’è sicuramente Going On dedicato “A chi si consuma la vita e a chi è andato via di fretta…”. Il beat è ipnotico e lento e le parole stanno a descrivere un mondo in cui ci si perde e si commettono degli errori. Ma guai ad arrendersi perché dietro l’angolo ci aspettano i Giorni Migliori. Qua il testo bisognerebbe riportarlo tutto sinceramente. Il brano ha avuto una buona rotazione radiofonica e secondo me ci dice una verità assoluta: “Saranno giorni migliori o un’altra vita tra le tante, perché forse siamo tutto… o forse siamo niente…”. Vanno segnalati anche i vari interludi presenti nell’album. Alcuni spezzano proprio ogni regola e sono fuori da ogni canone logico. Verba Domini D.C. è il brano più cattivo dell’intero disco. Siamo di fronte a un duro attacco al mondo ecclesiastico, la storia ormai va avanti da anni e credo proprio che tra non molto finirà in TV. Real Biography…si chiude con un brano bellissimo, il più bello probabilmente. Ricordi 9-03 è una di quelle canzoni che ascolti e riascolti di continuo. Il beat è stupendo così come il ritornello e le atmosfere finali in cui si lascia spazio solo alla parte musicale. Per concludere un disco che consiglio a chi ha voglia di riflettere sulla vita, sul tempo che passa e su ciò che resta del nostro passato. Dedicato agli amanti della black music e non solo. “Strade che segnano il confine e un’altra alba che osservo e un’altra notte senza fine…”

 

 1. Intro feat. Francesco Ferri
2. Fari spenti feat.
Lord Madness
3. Going on
4. So damn! feat.
Daniel Mendoza, Kiave, Profeta Matto, Miss Quinse, Massilla
5. Lettera a me stesso
6. Giorni migliori feat. MC Shark, Lara
7. III (Interlude)
8. III feat. Kento, Malaisa, Fredd Morton
9. Criptonite feat. Gemello
10. Verità nascoste
11. Verba domini D.C. (Interlude)
12.
Verba domini D.C.
13. Game over (Must be told) feat.
Taglialarga
14. Fratelli feat. Piranha Clique
15. Headbangers (Interlude)
16. Headbangers feat. Darkeemo
17. Ricordi 9-03

Recensione di Kiara dalla Sardegna 

Annunci

Read Full Post »